Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Crea sito
Mondragone

Proverbi Mondragonesi

Proverbi Mondragonesi

Proverbi Mondragonesi

LETTERA: A
Attacca ru ciuccio addò vò’ ru padrone Fai come ti dice il capo
A ‘mmerda chiu’ a smuove e chiù’ puzza Più’ andiamo a fondo a certe cose e più’ ci accorgiamo che c’è del marcio
Attaccame mane e piére, ma mìneme ‘mmiezo a ri miei Legami mani e piedi, ma fammi stare con i miei familiari
Astipate ru milo pe quanno te vene sete Conservat i la mela per quando avrai sete. aspetta l’occasione buona per vendi carti
Arriva’ a vangelo avutato Arrivare a messa dopo la lettura del vangelo- arrivare a pranzo finito
Arravòglia e stipa Avvolgi e conserva; non bisogna mai buttare. niente
A chiagne ru muorto so’ lacreme perse Piangere il morto, sono lacrime inutili : ormai è successo ed è inutile piangerci su’
A chi troppo parla, se secca a lengua Guai ai chiacchieroni
A chi ri piace ru giglio, a chi ri piace la rosa, a chi ri piace tutte cose A chi piace il giglio, a chi piace la rosa, a chi piace tutto
A chi nun tene figlie nun ghì ne’ pe denare ne’ pe cunsiglie Non ti rivolgere mai a chi non tiene figli perché non sa comprendere l’animo umano e pertanto non è in grado di aiutare o dare consigli
A cane furastiere nun ci arrefónne le tòzzole Ad un cane forestiero non rifonderci i tozzi, con i forestieri non ti sprecare tanto
A cera se struie e ru muorto nun cammina La cera si consuma e il feretro non avanza
A cavallo de razza nun serve scurria’to Al cavallo di razza non serve la frusta
A casa de ru pezzente nun mancano tòzzole In casa del pezzente non mancano tozzi di pane
A casa de ri sunaturi nun se portano le serenate A casa dei musicisti è inutile portare le serenate-non si può tentare di raggirare chi ha più esperienza di noi
A casa addò nun ce vatte lu sole, nun ce trase né miereco né cunfessore Se la casa non è esposta al sole, vi si può anche morire
A carne fa carne, lu vino fa sanghe e a fatica fa ittà lu sanghe La carne irrobustisce, il vino fa sangue e il lavoro fa buttare il sangue
A capa che nun parla e’ chiamata cucozza Hi ha qualità’ e non le mette in mostra e’ considerato stupido
Aucieglio che nun more a ru niro torna Tutti tentano di ritornare a casa
A cannelore, estate rento e vierno fore Alla candelora l’estate è’ dentro e l’inverno è’ fuori
A chi figlie e a chi figliastre Uno viene trattato come un figlio ed un altro come figliastro
LETTERA: B
Buonanottea ru sicchio Buonanotte al secchio
Brutta songo, male penso e buono me trovo Avrò tanti difetti, ma sto bene così
Brutto da fora e beglio da rinto Brutto di aspetto ma bello d’animo
Buono sì ma fesso no Sono buono, ma non stupido
LETTERA: C
Cu ru tiempo e cu la paglia s’ammatureno le sorve Col tempo e con la paglia si maturano le sorbe; bisogna aspettare tempo e occasione propizia per portare a termine certe cose
Cient’anno che è morta a mula, mò ri fète ru culo È passato tanto tempo, e ancora si parla di una determinata cosa
Ciente niente accerettero nu ciuccio Cento niente uccisero un asino
Ciento mesure e nu taglio Cento misure e un taglio
Comm’e’ l’albero, accussi e’ a foglia Ome siano fatti cosi’ci comportiamo
Corne de sòra, so’ corne d’oro, corne de parienti so’ corne d’argiento, corne de mugliera so’ corne vere Sono d’oro le corna della sorella, d’argento quelle dei parenti, ma sono corna vere quelle della propria moglie
Cu l’erva molle tutti se stóvano ru culo Chi si fa debole viene sempre sottomesso
Cu tanta uagli a canta’ , nun se fa’ maje iuorno Quando sono molti a comandare ,c’è sempre confusione
Culo che nun ha visto mai brache, quanno le vére tutto se sbraca Un culo che non ha mai visto brache, quando le vede si sbraca tutto. chi ha sofferto sempre la miseria, quando riesce ad uscirne si da ‘ le ari e
Cuófano saglie, cuófano scenne Indifferenza di fronte a qualsiasi problema
Cogliono chiù’ ri maluocchie che le scuppettàte Fanno più male i malocchi che i colpi di fucile
Chiù’ poche simmo e chiù’ begli parimmo Meno persone siamo e meglio è’
Cristo è’ pacarieglio ma nunn’è’ scurdarieglio Gesù ti perdona ma non dimentica
Capiglie e uaie nun mancano mai Capelli e guai non mancano mai
Chiù’ fai bene e chiù’ te sputano ‘nfaccia Più’ si fa del bene e più’ non si ha riconoscenza
Comme spienni , appienni Come spendi, appendi. il valore delle cose è ‘ dato dal prezzo
Cane c’abbaia nun mozzeca Cane che abbaia non morde
Cani e iatti vanno d’accordo si so’ matte Otoriamente si odiano – se vanno d’accordo avviene solo perche’ sono matti
Cannéla, damme tiempo nat’ora. mentre scàmmero sto spurtone Candela, dammi ancora un pò di tempo per consentirmi di portare a termine questa determinata cosa
Capa fresca e pieri cauri Si consiglia a chi vuole stare bene
Carceri e malati, se scoprono ri cuori degli amici Di fronte ai carcerati e a i malati si riescono a scoprire i veri amici
Chi vò jabbà a ru vicino, se cocca priesto e se sósse a matina Chi vuole farla al vicino, deve dormire poco
Cammina’ cu duie pieri rint’a na scarpa Camminare in modo castigato. comportarsi in modo tale da non essere richiamato
Chi vò lu male degli ati, lu suoio sta adderèto a porta Non bisogna mai augurarsi il male degli altri perché il nostro è sempre dietro la porta
Chi vò nu figlio puverieglio ,r’adda fa’ o piscatore o acchiappauciéglio I mestieri più miseri da non augurare al proprio figlio sono quelli del pescatore o dell’uccellatore
Chiamate lu bene ,che appriesso te véne Augurati il bene che ti viene dietro
Chiove e male tiempo fa’, a casa degli ati nun se po’ sta Quando è cattivo tempo non è conveniente stare a casa degli altri
Cantina vecchia, nunn’ have bisogno de frasca Una buona cantina non ha bisogno di mettere la frasca fuori
LETTERA: D
Donna che piange e ad uomo che giura — manca traduzione —
Dio nunn’e’ mercante che paga a ru sabato A vendetta può’ tardare, ma arriverà’ sempre
Dio addo’ vere a neve, spanne lu sole Iddio e’ misericordioso
Duie noce rent’a nu sacco nun fanno rumore Due noci nel sacco non fanno rumore; se si è in pochi non c’è pericolo che si faccia rumore
Dio te ne liberi da ri signalati mei Ate attenzione a coloro che sono stati segnalati dalla natura
Dio ne liberi de ri pezzienti sagliuti Dio ci liberi dai pezzenti arricchiti
Dimme a chi sì figlio e te rico a chi arrassumigli Dimmi a chi sei figlio e ti dirò a chi somigli
Damme tiempo che te spertoso Dammi tempo che ti riuscirò’ a perforare
Damme e dóngo, che amico te sóngo Con gli amici bisogna dare e ricevere
Daglie e daglie, ru ciuccio s’accoscia A forza di insistere alla fine l’ha spuntata
Da coppa a ru tuocco esce a tacca Dal tronco esce una scheggia di legno. dal grosso numero o dalla somma complessiva esce il guadagno.
D’estate secca vétte ,che de vierno so cunfiette Fai le provviste d’estate
Dio vére e pruvvére Dio vede e provvede
Dimme cu chi vaie e te rigo chello che fai Dimmi chi sono i tuoi amici abituali e ti diro’ come ti comporti
LETTERA: E
E’ morta a criatura e nun simme chiù a cumpare È finito l’interesse che avevamo in comune e non ci vediamo più
E’ tutto fummo e niente arrusto Non è concreto
E’ peccato chello che esce e no’ chello che trase È peccato quello che esce dalla bocca e non quello che entra
E’ meglio sulo che male accumpagnato Meglio solo che male accompagnato
E’ meglio poco che niente Bisogna sapersi accontentare
E’ succieso ru quarantotto È successo il caos come avvenne nei moti del ’48
LETTERA: F
Femmena baffuta e’ sempe piaciuta Donna con i baffi è’ sempre piaciuta
Fa’ vere a luna rent’a ru puzzo Far vedere una cosa che non esiste
Faccia senza culore o farsa o traditore Il viso pallido è tipico di chi è falso o traditore
Facesse na culata e ascesse lu sole Non me ne va bene una fàrese a croce cu a mano smèrza ==> restare di stucco
Fatte ri fatti tuoi e vire chi te ri fa’ fa’ Fatti gli affari tuoi e vedi chi te li fa fare
Fattélla cu chi è’ meglio de te e facce le spese Accompagnati con le persone migliori di te e rimettici le spese; evita di accompagnarti con le persone poco per bene
Febbraro curto e amaro Febbraio breve e amaro
Femmena pilósa, ciorta annascósa Donna pelosa è’ sempre fortunata
Fa’ cuófeno saglie e cuófeno scegne Non ti dare pena alcuna
Femmena senza figli, nun ce jì’ pe piacere né’ pe cunsiglie Non andare né’ per chiedere un piacere, né’ per un consiglio da una donna che non ha figli
Feste e festicciólle, ri furastieri a casa Quando ci sono le feste, la casa è’ sempre invasa da estranei
Figli piccerigli, uai piccerigli, figlie ruosse uai ruosse Figli piccoli, guai piccoli, figli grandi, guai grandi
Figlio d’aglina ‘nterra ruspa Figlio di gallina raspa a terra; chi è abituato a comportarsi in un certo modo non cambia, oppure tale padre e tale figlio
Fuje fuje..accà’ t’aspetto È inutile scappare
Figlio de jatta sòcio piglia, si nun piglia, nunn’e’ suo figlio (e’ la variante di figlio d’aglina…)
Fa’ a scaricavarrile Incolparsi l’uno con l’altro
Fa’ tacca e ch1uovo Fare schegge e chiodi, cioè rompere un mobile riducendolo a pezzi e per est. rovinare una cosa in modo irreparabile
Fa’ acqua a pippa Sono finiti i soldi
Fa chello che prevuto rice e nò chello che prevuto fa Fai quello che il prete dice e non quello che fa
Fa’ carne de puorco Fare il proprio comodo-scialare come si fa in casa quando si ammazza il maiale
Fa’ l’arte de ri pazzi Fare di tutto per ottenere qualcosa
Fa’ l’arte de michelasso, mangia, beve e va a spasso Non fa assolutamente niente
Fa’ mmarenna a sarachieglio Non ricavare niente
Fa’ na cosa de iuorno Fare presto
Fa’ ru fesso pe nu ghì a uerra Far finta di non capire
Fa’ scénne lu latte rent’a le cazette Far cadere le braccia
Fa’ ru uaglio ‘ncoppa a munnezza Darsi arie inutilmente
Fa’ scénne a lengua ‘ncanna Far impaurire qualcuno
Fa’ l’avvucate de le cause perse Difendere qualcuno senza che venga richiesto
Fa bene e scuórdete fa male e piénsace Fai il bene e dimentica, ma se fai del male non dimenticarlo
LETTERA: G
Giorgio se ne vo jì e ru vescovo ru vò mannà Si dice quando c’è incompatibilità tra due persone e l’una vuole allontanarsi dall’ altra
Gliomme è cacciatore L’uomo è cacciatore
Gli uocchie de ru padrone ‘ngrassano ru pignato Gli occhi del padrone sono sempre più attenti
Gliomme faticatore è a ruina d’a casa Erchè per il troppo lavoro finisce per rovinarsi la salute
Gioverì murziglio, chi nun tene niente, se ‘mpigna ru figlio Il giovedì grasso, chi si trova in difficoltà economica, si impegna anche il figlio per preparare il pranzo
Giacchino mettette a legge e giacchino murette acciso Gioacchino (murat) mise la legge e alla fine fu succube della sua stessa legge perché morì ucciso
Gl’iommo senza vizio e’ chiamato scartafazio Uomo che non ha vizi non e’ considerato
LETTERA: H
Ha truvato a forma d’a scarpa soia Ha trovato un osso duro sulla sua strada
Ha fatto a fine de ri cavagli de carrozza: bona gioventù e mala vicchiaia Ha fatto come i cavalli di carrozza, si è ridotto male dopo tanto splendore
Haie visto che ru spurtone ha fatto le palummelle? Modo ironico per significare il modo di agire di chi pretende di fare un passo più lungo della propria gamba
Ha fatto a fine de ru belgio Ha fatto una brutta fine, come quella del belgio nella seconda guerra mondiale!
Ha pigliato ru c… p’a butteglia dell’uoglio Ha fatto grande confusione
Ha perso filippo e ru panaro Per non fare l’accordo, ha perso tutto
LETTERA: J
Je vengo da ru muorto e tu rice che è vivo  
Jenneri e neputi, chello che fai è’ tutto perduto Generi e nipoti, quello che fai è tutto perduto
Jn bocca chiusa nun traseno mosche E tieni la bocca chiusa eviti tanti guai
Jucà’ a carte scoperte Fare conoscere le proprie intenzioni
Je, pe vulio de cótena, nun metto a vógliere ancino Se desidero una cosa e non posso ottenerla, non mi accontento di un’altra che le si avvicina
Jì’ sott’e ‘ncòppa Cadere in bassa fortuna
LETTERA: L
Luvà a frasca Togliere tutto di mezzo.l’espressione deriva dal fatto che il contadino che incomincia la vendita di una botte, mette una frasca in capo al portone come insegna e poi la toglie quando il vino è finito
Liberatenne da ri signalati miei Liberati da coloro che sono segnalati da qualche vistoso difetto
Lu buono servì’ e a capa rotta Nonostante siamo stati servizievoli ci hanno rotto la testa
Lu cumannà’ è’ meglio che fotte È bello dare ordini
Lu fuoco è’ buono tr1rice mise all’anno Il fuoco è buono 13 mesi all’anno
Lu parla’ chiaro è’ fatto pe gli amici Il parlare chiaro è’ fatto per gli amici
Lu pesce fète d’a capa Il pesce puzza dalla testa; spesso sono i capi a sbagliare
Lu sanghe se màzzeca, nun se sputa Non bisogna mai disconoscere i parenti
Luvarese le vriccélle da rent’a scarpa Togliersi lo sfizio; vendicarsi
Liberatenne da ri purùcchi sagliuti Liberati dai pidocchi diventati ricchi o importanti
Lu vino buono se venne senza frasca Quello che vale non ha bisogno di molta propaganda
L’aqua corre addò sta’ a pennenza e l’amore addo’ sta a speranza I soldi vanno dove stanno gli altri e l’amore sboccia dove c’è speranza
L’amicizia raddoppia la gioia e diminuisce ri duluri Per questo si dice che chi trova un amico trova un tesoro
Léna de fico, na vótta d’acito e nu malu marito, nun se vérono mai ferniti Una legna di fico, una botte di aceto ed un cattivo marito, non si vedono mai finiti
L’anima migliora e ru riesto se deteriora Le qualità’ morali migliorano mentre tutto il resto peggiora
L’artista p’a fame perde a vista L’artista in genere è sempre squattrinato
L’erva ca nun voglio agl’iuorto mio nasce L’era che non voglio nasce nel mio orto; quello che non voglio, spesso succede proprio a me
Lana de pecura e uoglie d’auliva sanano qualunqua malatìa Indumenti di lana e olio d’oliva sono le medicine per ogni malattia
Lassa casa ardente e curre a parturiente Di fronte ad un parto tutto va in second’ordine
Lava ru puorco, striscia ru puorco, sempe puorco è! Qualunque cosa si faccia, non si può cambiare la natura di un individuo o di una cosa
Le parole so’ comm’a le cerase, una tira l’ata Le parole sono come le ciliege, una tira l’altra
L’altezza è meza bellezza Alto è bello
LETTERA: M
Maculata cuncetta, a natale diciassette : chi buono sape cuntà, riciotto fa truvà Immacolata concetta, 17 giorni a natale : chi sa contare bene, ne fa trovare 18
Male e rógna nun se po’’ annasconne Il male e la rogna non si possono nascondere
Mangia pe terra e se stóva pè cuoglio Non ottiene granché
Mangia a quatto ganasce Mangiare con avidità
Malu tiempo e bonu tiempo nun durano tanto tiempo Il cattivo tempo e il buon tempo non durano a lungo a questo mondo
Male nun fa e paura nunn’avé Non fare male e non aver paura; se non fai male, non devi aver paura
Male e bene, a fine vene Il male e il bene vedono sempre la fine
Male a chi porta a cattiva nummenata Male a chi porta la cattiva nomèa
Male a chi more, chi resta s’acconcia ampressa Male a chi muore, chi resta si accontenta subito
Mala nuttta e a figlia femmina Cattiva notte e figlia femmina
Maistrale a sera, scirocco a matina Se la sera soffia il maestrale, la mattina soffierà’ lo scirocco
Mariulizia e puttanizia, s’arape a terra e te lu rice Le azioni dei ladri e delle prostitute si vengono sempre a sapere: ladri e prostitute sono sempre scoperti
Mal’a chella pecura che nun pò a lana soja Male a quella pecora che non può disporre nemmeno della sua lana
Meglio sulo che male accumpagnato Meglio solo che in cattiva compagnia
Marite e figlie, comm’a dio te ri manna, accussì te ri pigli Mariti e figli, come dio te li manda, così te li pigli
Monte ruosso cu a cappa, si ogge nun chiove, dimane nun scappa Monte grande (il massico) con la cappa (le nuvole) se oggi non piove, domani è sicuro
Mò che è prena e mò che allatta, a muglierema nunn’a pozzo mai vatte Una volta è incinta e una volta allatta, e io non posso mai picchiare mia moglie
Mittete cu chi è meglio de te e facce le spese; che si ce pierdi le spese ce uaragni le cundtzioni Mettiti con chi è meglio di te e anticipa le spese, perché se le perdi, ne guadagni in dignità
Mette a uno ‘mmocca a ru puorco Esporre uno al ludibrio
More nu papa e se ne fa n’ato Muore un papa e se ne fa un altro morte e riebbeti, portali a luongo ==> morte e debiti, portali a lungo
Meglio ‘na mala gravidanza che na bona uastanza Meglio una cattiva gravidanza che un aborto
Meglio ‘na festa che ciento festicciolle Meglio una festa sola che cento piccole feste
Meglio ‘na bona morte che ‘na mala sorte Meglio una santa morte che una cattiva sorte
Marterì muzziglio, a mamma se ‘mpegna pure a figlia Il giorno di carnevale la mamma si impegna pure la figlia per onorare la festa
Mette l’uoglio ‘ncopp’a ru pirètto Colmare la misura
Manna a accatta’ lu sale Prendere in giro qualcuno, perché a mondragone prima il sale non si comprava mai, in quanto si ricavava dall’ acqua del mare
Meglio muri’ sazio che campa’ riuno Meglio morire sazio che vivere digiuno
Masto a uocchie, masto a capòcchia Il mastro che lavora a occhio è uno che lavora senza raziocinio
Mazza e panella fanne ri figli belli, panella senza mazza fanno ri figli pazzi Mazza e pane fanno i figli belli; bisogna nutrirli bene, ma punirli all’occorrenza
Meglio nu ciuccio vivo ca nu miéreco muorto Meglio un asino vivo che un medico morto
Meglio a fa’ nu figlio che na fatta de pane È più facile fare un figlio, perché il pane non sempre viene bene
Meglio curnuto che male scutato Meglio essere cornuti che non ascoltati
Meglio lu poco che dura assaie che l’assaie che dura poco Eglio una piccola cosa che dura poco che l’opposto
LETTERA: N
Ntràno/ntràno, ru rutto porta a ru sano Piano piano, chi è malato porta chi è ‘sano (si riferisce alla volpe che riuscì ad ingannare il lupo e, facendosi credere malata, si fece portare dal lupo che era ferito)
Nun te fida’ degli uommeni sbarbati e de le femmene barbute Non ti fidare mai degli uomini senza barba e delle donne barbute
Nun crère a femmena che chiagne e omme che giure Non credere a
Nun chiagne triste, ca te véne peggio Non piangere tristemente (molto) perché può venirti peggio (può succederti di peggio)
Nun ce sta sposa senza chiante, nun ce sta muorte senza riso Non c’è matrimonio senza pianto, né funerale senza riso
Nun care foglia che dio nun voglia Utto e’ voluto da dio
Nu paté è buono a campa’ ciento figlie e ciento figli nun so’ buoni a campa nu pate Un padre è capace di dare a campare a cento figli, mentre cento figli non sono capaci di campare un padre
Nunn’e ‘tutt’ oro chello che luce E apparenze spesso ingannano
Nisciuno sòcio è’ muorto sott’a nu metale Nessun topo è rimasto schiacciato da un covone di paglia
Nisciuno è nato ‘mparato Nessuno è nato imparato
Ncopp’ a ru muorto se cantano messe Le messe si celebrano su qualcuno che è morto
Ncopp’ a lu cuótto l’acqua vugliuta Sopra il cotto l’acqua bollente
Na vota all’anno, dio cumanna, ogni mese te porta a spesa, ogni iurno è tàluorno Una volta all’anno, dio comanda, una volta al mese dio provvede, una volta al giorno è una gran noia
Na femmena e ‘na papera arruvetèttero tutta napule Una donna e una papera misero in subbuglio tutta napoli
Na botta a ru sirchio e n’ata a vótta Bisogna sapersi destreggiare con un colpo al cerchio e un altro alla botte
N’accatta’ maje nu jatto rent’a ru sacco Non comprare mai la gatta nel sacco
Na parola è’ poca e duie so’ assaje Una parola è poco e due sono molte
LETTERA: O
Ognuno è padrone a casa soja Ognuno è padrone a casa sua ognuno sape rl fatti suoi ==> ognuno sa i fatti suoi
Ommo piluso, ommo virtuoso Uomo peloso, uomo virtuoso
Ognuno tene a crocia soja Ognuno ha la sua croce
O belle o brutte, se fa sera pe tutte La vecchiaia arriva per tutte
Ogni lassato è ‘perduto Ogni cosa tralasciata bisogna considerarla perduta-carpe diem
O te mangi sta menesta o te jetto p’a fenesta O mangi questa minestra o ti butto per la finestra
Ogni impedimento è’ giuvamento Se non sei riuscito a fare una cosa è meglio così
Ogni scarrafone è’ beglio a mamma soja Ogni figlio è’ sempre bello per la mamma
LETTERA: P
Pe purtà nu vivo abbastano due persone, pe purtà nu muorto ce ne vonno quatto Per portare un vivo ci vogliono due persone, per portare un morto ce ne vogliono quattro
Pure a regina have bisogno de ru vicino Pure la regina ha bisogno del vicino
Puozzi tene’ a ciorta d’a brutta Ti auguro di avere la sorte della brutta
Puorco piluso, corna annascusa Porco peloso, corna nascoste
Poche parole e cauro de panno nun facettero mai danno Poche parole e il caldo degli abiti non fecero mai danno
Poca erva a ru crapitto, pocu latte a ru crapàro Se la capretta mangia poco, produce poco latte
Piglia’ asse per figure Prendere una cantonata
Pensa e po’ fa’ Prima pensa e poi fa’
Pe nu punto se scusètte a scarpa Per poco non è riuscita quella determinata cosa
Pe n’acino de sale se uasta a menesta Per un nonnulla va a male l’affare
Parla poco e ficca bene Parla poco e agisce bene
Per curare la tua bellezza vivi sempre in allegrezza E sarai sempre allegro, non sarai mai brutto
Pe mare ‘nce stanno taverne Per mare non ci sono taverne
Pane de marite, pane sapurito, pane de frate, pane abbuscato, pane de figlie pane a mursiglie (pane a bocconcini) Il pane più caro è quello dei figli
Pe esse bona a ‘nzalata, adda esse maniàta L’insalata è buona quando è mescolata con le mani
Parlanno de ru riavulo, spónteno le corna Parlando del diavolo, spuntano le corna
Pasqua e natale, ru riavulo va venàle Durante le feste il diavolo va in cerca di soldi
Passato ru santo, passata è’ a festa Passato il santo, passata è la festa
Pe blbi de zi carculélle, carculiamme tutti quanti Per colpa o merito di una persona, ci avvantaggiamo o paghiamo le pene tutti
Pe dispietto de muglièrema, me taglio le p… Per dispetto di mia moglie mi taglio i c…
Pe fa’ nu figlio carrettiere ,ce vò’ nu c… vaticane Per fare un figlio carrettiere ci vuole il sesso vaticano
Paga ru iusto pe ru peccatore Paga il giusto per il peccatore
LETTERA: Q
Quanno ru piro è maturo, se ne care isso sulo Quando la pera è matura cade senza sforzo
Quanno ru ciuccio nun vò véve, è inutile che sische Se non c’è alcuna volontà di fare una cosa, è inutile che insisti
Quatto uocchie verono meglio de duie Quattro occhi vedono meglio di due
Quanno ru picceriglio parla, ru ruosso ha già parlato Quando parla il piccolo, significa che il grande ha già parlato
Quanno ru riavule t’accarezza, vò l’anema Quando qualcuno (caro) ti accarezza, vuole qualcosa
Quanno se mangia, se cumbatte cu a morte Non bisogna parlare mentre si mangia
Quanno se rice mutto mutto, si nunn’è mmiezo, è tutto Quando si dice qualcosa sottovoce, se non è tutto vero, lo è tutto
Quanno siente vatte ru maglio, va a pastenà gli agli Quando senti battere con il martello i cerchi delle botti, vai a seminare l’aglio (in settembre)
Quanno ru carrettiere canta, la rota cammina Se il capo sa il fatto suo, tutti si danno da fare
Quatto aprilante, giorni quaranta Se piove il quattro di aprile, pioverà per quaranta giorni
Quanno ce sta a salute, ce sta tutto Quando c’è la salute c’è tutto
Quanno ru figlio accumuncia a fotte, ru paté è futtuto Quando il figlio comincia, il padre ha ormai finito di divertirsi
Quanno a jatta nunn’arriva a lu lardo, dice che sape de rancito Quando la gatta non può raggiungere il lardo, dice che sa’ di rancido
Quanno rigli e quanno ragli e quanno no’ rl scarrafuni Quando c’è’ da mangiare si mangia , quando non c’è’ niente ci si arrangia
Quanno chiove d’a croce nun se fa’ né’ vino né’ noce Quando piove in occasione della festività della croce, che si celebra il mese di maggio, non si fanno né’ vino né’ noci
Quanno gli auciegli vanno a pantano, piglia ri uovi e va a caurana Quando gli uccelli si dirigono verso pantano, prendi i buoi e va verso l’incaldana perché li è bel tempo
Quanno la viduvella s’ammarita, ri uaie suoi nun so’-finiti Quando la vedova trova marito non vede i suoi guai finiti
Quanno le nuvole tenno a cappa, si oggi nun chiove, rimane nun scap-pa Se le nuvole sono sulle montagne e oggi non piove, domani senza meno pioverà
Quanno lu vino è doce, se fa chiù forte agito Se il vino è dolce, si fa più forte l’aceto
Quanno nun ce sta ru jatto, ru sóce abballa Quando non c’è-il gatto, il topo balla
Quanno r’auciegli vanno a monte, piglia ri vuoi e ‘mpónta Quando gli uccelli vanno a monte, fermati perché è cattivo tempo
LETTERA: R
Ru miéreco va e véne, chi téne ri uaje se ri tene Poca fiducia nella medicina
Ru cane mózzeca a ru stracciato La sfortuna si accanisce su chi è già provato
Ru cane zelluso nun trova padrone Il cane con la rogna (malato) non trova un padrone
Ru ciuccio porta a paglia e ru ciuccio se l’ ammaglia L’asino porta la paglia e lui stesso se la mangia.
Ru curaggio ru tene, ma è a paura che ru fotte È lo stato d’animo di chi da una parte ha il coraggio di affrontare la situazione, dall’ altra cè un grosso timore che lo trattiene. in questo modo non farà niente
Ru miéreco piatuso fa a piaga puzzulente Il medico che ha pietà del malato rende la piaga puzzolente ( la fa andare in cancrena )
Ru primo anno sposato, o malato, o carcerato o na figlia femmena nata Al primo anno di matrimonio, o malato, o carcerato o con una figlia femmina
Ru peggio monaco porta a croce Spesso succede che compie determinate azioni e si mette in mostra proprio chi non ha i numeri per farlo
Ru puorco rifiuta r’agliannule Il maiale rifiuta le ghiande. e’ un modo di dire espresso con ironia per indicare che appare strano un certo rifiuto
Ru purpo se còce rento all’acqua soja stessa Il polipo si cuoce nell’acqua sua stessa
Roppe vignignato, pigliano le fascine Dopo la vendemmia, restano solo la frasche
Ru tiempo e’ maestro, gl’iomme chiù’ capisce e chiù’ patisce L tempo e’ maestro : l’uomo più’ capisce e più’ soffre
Ru sazio nun crére a ru riuno Chi è sazio non crede a chi sta digiuno
Rumore de fròbbice e poca lana Tutto fumo e niente arrosto
Ru sacco se sparagna quanno è chino, quanno è vacante se sparagna da sulo Il sacco si difende quando è pieno perché quando è vuoto si difende da solo
Ri crauni s’abbruciano quanno stanno ‘nsieme, quanno so’ suli se stutano L numero fa la forza
Roppe ri cunfiétti, vènno ri difietti Dopo il matrimonio, vengono i difetti
Ru viecchio che se cura, ciento anne dura Il vecchio che ha cura della sua persona campa 100 anni
Rafanié, fatt’accattà da chi nun te sape Vai da chi non ti conosce
Rent’ a casa chi nun c’è nato, nun c’è trase Non bisogna fidarsi dell’amico
Rère casca rère L’erede lascia all’altro erede
Ri ciucci se tózzono e ri varrili se scassano Gli asini litigano e i barili che portano si rompono
R’aiuto è’ buono pure de paglia L’aiuto è’ buono sempre
Ri parienti so comm’ a ri stivali, chiù so stritti e chiù fanno male I parenti sono come gli stivali, più sono stretti e più fanno male
Ricemi a chi si figlio e je te rico a chi arrassumiglie Dimmi di chi sei figlio e io ti dico a chi somigli
Riceva sant’ elisabetta che a socra manco a vulette Diceva sant elisabetta che nemmeno lei volle la suocera
Ringrazia a dio cu a faccia pe terra Ti è andata bene
Robba arrubbata nun fa luce La roba rubata non da profitto
Robba de furto fatta, poca vita tene Ura poco tutto quello che e’ guadagno di un furto
Roppe mangiato e vippeto, a saluta vosta Dopo che hai mangiato e bevuto, dici che lo hai fatto alla salute vostra
Ri cavagli de carrozza, vanno a fernì sempre sotto a ru muntano Dopo una brillante gioventù viene sempre la vecchiaia
LETTERA: S
Suarieglio mio, fatte accatta’ da chi nun te conosce Somarello mio vai a prendere in giro chi non ti conosce
Sulo muntagne e muntagne nun se ‘ncontrano Solo le montagne non si incontrano tra loro
Sulo a morte nun ce sta rimedio A tutto c’è rimedio tranne che alla morte
Strigni culiglio quanno staje suliglio, che quanno staje accumpagnato rieste sbruvugnato Evita di fare scorregge quando sei solo perché se ti abitui, le fai anche in compagnia
Santu mangione è’ nato prima de nostro signore L’avidità è nata prima di cristo
Santu e vicchiarieglio Fatti santo e vecchio
S’è sciccato na mola a santa bellona Si dice quando si fa una forte spesa
LETTERA: T
Tre so’ ri putiente: ru papa, ru rre e chi nun tene niente Chi non ha niente da perdere
Tutto fummo e niente arrusto Tutto fumo e niente arrosto
Tutto fa’ bròre Tutto serve
Tutto è’ buono a sapé’ È’ buono sapere molte cose
Tagliame mane e piere e vótteme ‘mmiezo a ri miei Tagliami mani e piedi ma buttami tra i miei familiari
Tu me ciechi e je te foco Tu mi accechi e io ti affogo. si dice di due persone che sono sempre in lotta tra di loro
Tutto po’ esse, fora che gli omme prieno Tutto può essere tranne che un uomo sia incinto
Tre fiche nove rotoli Si dice di chi drammatizza e fa di una piccola cosa una cosa enorme
Tira chiù nu pilo de f. che ciento coppie de vuoi Il desiderio di una donna è superiore a qualunque altra cosa
Tavula e lietto, nun se porta rispietto A tavola e a letto non ci sono limiti
Taglia cchiù’ na lengua che na spada Taglia’più la lingua che la spada
T’aggia ‘mparà ‘e t’aggia perde Devo insegnarti delle cose e devo poi perderti
Tene a saràca a sacca Sa che ha fatto qualcosa che non va
Tre so’ ri frati carnali – avesse , vulesse e ammacare Tre cose vanno sempre insieme-se io avessi, io vorrei e magari
LETTERA: U
Uocchie che nun vére, core che non desidera La lontananza spesso elimina il desiderio
Uocchie a penna Occhio alla penna – attenzione
Uocchie chine e mane vacante Occhi pieni e mani vuote
Una ne fa e ciento ne penza Una ne fa e cento ne pensa. è molto attivo
Uaie a chella casa addo’ aglina canta e ru uaglio tace Guai a quella casa dove la donna comanda
Uai quant’e a ‘rena e morta maie Tanti guai ma non la morte
Uocchie e maluocchie e funicelle agli’uocchie, scatta l’invidia e more ru maluocchio Espressione rituale per togliere il malocchio
LETTERA: V
Vaco p’aiuto e trovo sgarrupo Vado in cerca di aiuto e invece ricevo danno
Vaco pe grazia e ricevo giustizia Vado per ricevere grazia e invece ricevo danno
Vale chiù a grazia che a bellezza A volte in una donna vale di più la grazia, la finezza, che la bellezza
Vieste ciccóne e addeventa barone Se vesti bene ciccone, sembrerà barone
Vótta a pretèlla e annascónne a manélla Lancia l’idea e poi si nasconde
Vruóccoli figli e foglie , spiga e fa’ a semmenta I broccoli comunque sono buoni e servono
LETTERA: Z
Zitto zitto ‘mmiezo a ru mercato Quando non si vuol far sapere niente a nessuno e invece lo si fa sapere a tutti
Zappa’ rent’a terra soia Pensa al suo interesse
Zì monaco canta canta, uocchie chine e mane vacante Modo di dire per indicare quando si fa tutto fumo e niente arrosto

Commenti